“Uno sbirro non lo salva nessuno” La scomparsa di Emanuele Piazza, il Serpico palermitano

175

Palermo –  Il libro, edito da Dario Flaccovio editore, racconta la vera storia della scomparsa di Emanuele Piazza, un ragazzo di ottima famiglia che ama anche la vita di strada: vie dritte e trazzere tortuose, gente giusta e gente sbagliata, quella che si muove tra lealtà e prepotenza.

Emanuele, ex poliziotto, aveva 29 anni quando, nel 1990, scomparve all’improvviso da Palermo e di lui si perse ogni traccia. Fu solo grazie alla perseveranza dei suoi familiari e all’impegno del giudice Giovanni Falcone se le indagini su questo caso presero avvio e se, dopo molti anni caratterizzati da omertà e depistaggi, su quella sparizione la verità venne alla luce.

Oggi lo scrittore palermitano Giacomo Cacciatore – che ha sei romanzi all’attivo, alcune traduzioni estere e un centinaio di racconti – ricostruisce puntigliosamente la drammatica vicenda di Piazza nel libro “Uno sbirro non lo salva nessuno” edito da Dario Flaccovio Editore.

“Ho voluto raccontare questa storia – spiega Giacomo Cacciatore –  come scrivo nella dedica del mio libro, per tutti coloro che hanno patito la mancanza di verità, come i familiari di Emanuele”.

La prefazione del libro è curata da Giuseppe Pizzo, autore e inviato di ‘Chi l’ha visto’ ed ex poliziotto, che da anni si occupa di persone scomparse.

CONDIVIDI