Bollani-Bushkov, in mille per la Sessantesima

142


Palermo – E’ stata inaugurata al Politeama Garibaldi di Palermo la
sessantesima stagione dell’Orchestra Sinfonica Siciliana, aperta con
Concerto azzurro per pianoforte e orchestra di Stefano Bollani. Sul
podio, il russo Evgenj Bushkov. Oltre mille persone hanno fatto
registrare il tuttoesaurito per Concerto azzurro, il pezzo composto da
Bollani, a quattro mani con Paolo Silvestri che ha preparato la
partitura, su commissione della MDR Sinfonieorchester guidata da Järvi,
è stato eseguito per la prima volta all’Opera di Firenze nel 2017.
Questo lavoro, che nasce dall’incontro tra Bollani e il direttore e
pianista estone, ha la particolarità di essere scritto di nuovo in
occasione di ogni concerto grazie all’improvvisazione del pianista e al
tocco dell’orchestra residente della quale fa parte integrante la
batteria di Bernardo Guerra, grande talento internazionale che affianca
Bollani anche nel progetto jazz Napoli Trip.
In questo concerto, il cui titolo evoca l’azzurro del cielo, il quinto
chakra, quello dell’udito che invita l’uomo ad ascoltare se stesso e gli
altri, e il colore azzurro capace di stimolare l’energia creativa, la
parte del solista, infatti, non presenta una partitura fissa ma si basa
su un canovaccio che si rinnova di volta in volta grazie
all’improvvisazione e al carattere dell’orchestra. (Durata: 35’)

Nella seconda parte del concerto, George Gershwin (1898 –1937) Rhapsody
in blue per pianoforte e orchestra e Dmitrij Dmtrevič Šostakovič (1906
–1975) Sinfonia n. 5 in re minore op. 47

CONDIVIDI