Straordinario successo della mostra YTALIA Energia Pensiero Bellezza. Tutto è connesso

559

Firenze – Straordinario successo della mostra: “YTALIA Energia Pensiero Bellezza. Tutto è connesso”. 4900 visitatori i primi tre giorni di apertura. Straordinario successo della mostra Ytalia che ha registrato nei primi tre giorni di apertura (da venerdì 2 a domenica 4 giugno) ben 4.900 visitatori solo al Forte di Belvedere. Molti anche i visitatori che hanno voluto ammirare le installazioni delle opere nei luoghi e nei Musei storici della città: da Palazzo Vecchio alla Galleria delle Statue e delle Pitture degli Uffizi, dalla Galleria Palatina alla Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti, dal Giardino di Boboli al Complesso monumentale di Santa Croce, dal Museo Marino Marini al Museo Novecento. Una nota interessante è che Domenica 4 giugno, nonostante l’ingresso gratuito per la “domenica metropolitana”, molti fiorentini hanno comunque voluto acquistare la Forte Card, che con soli 2 euro consente a chi risiede nella Città metropolitana fiorentina (l’ex provincia di Firenze) di avere accesso illimitato al Forte di Belvedere fino al 1° ottobre. Si ricorda inoltre che ogni domenica si tengono visite guidate per giovani e adulti: le prossime saranno Domenica 11 giugno alle 10.30 e alle 12.00 al Forte Belvedere, alle 15.00, 16.00 e 17.00 al Museo Novecento. Un percorso speciale per famiglie con bambini (8/12 anni) sarà organizzato al Forte Belvedere anche domenica 18 giugno alle 10.30. La prenotazione delle visite guidate e delle attività è obbligatoria.

Forte Belvedere, via San Leonardo, 1 Firenze

Info: [Per informazioni e prenotazioni: (Tel. 055-27687224 055-2768558). Mail (info@muse.comune.fi.it www.musefirenze.it). La mostra Ytalia è anche sul web con i canali social di Mus.e (hashtag #ytalia) e con il blog ytalia.musefirenze.it dove si trovano racconti sulla mostra e sugli artisti, informazioni sulle sedi e curiosità: la Calamita Cosmica (lo scheletrone) di De Dominicis con Firenze sullo sfondo ha già riempito le bacheche di Facebook e Instagram].

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo

CONDIVIDI