Mondello, ricostruito il “Proverbio Scompigliato”

373

 

Palermo – Domenica 25 giugno, al Centro Giochi di Mondello, si è svolta la “Festa dei nonni” e si sono visti molti fili d’argento alla riscossa per riordinare il proverbio che Zio Pippo aveva… spappolato: “Li vi spianu ntra calamitati si trovanu amici non comu stati ntra tempi filici”. “Mille sono state le pagelline distribuite ai mondellani delle capanne che restano sulla spiaggia a ricordare tempi passati quando tutti i bambini di allora, con palette e secchielli –ricorda lo Zio Pippo- costruivano i loro castelli”. Le pagelline sono state distribuite anche a tutti quelli che, incuriositi, si fermavano al Centro Giochi. Entro il termine stabilito delle ore 12:30 solo 300 pagelline sono state consegnate allo Zio Pippo che, a tutti i partecipanti, ha consegnato un petit cadeau dallo sponsor “Caffè Tonaca di Monaco”, di cui Zio Pippo è testimonial. “Ho, però, dovuto costatare, ancora una volta –ha evidenziato il popolare presentatore– che pochi conoscono le cose di casa nostra; quasi più nessuno ricorda la saggezza dei nostri antenati che vivevano in un periodo d’ignoranza e di miseria ma anche di solidarietà, amicizia e bontà, tanto da creare –ha sottolineato Zio Pippo– i proverbi che sono la sintesi acuta di alcuni principi scoperti dall’esperienza della vita”. Solo 20 sono stati i “Siciliani DOC” che hanno ricomposto esattamente il proverbio così come l’hanno lasciato i nostri antenati; questa la giusta ricomposizione: “Ntra tempi filici si trovanu amici, ntra li calamitati non vi spianu comu stati“ e, questi, i loro nomi: Ventimiglia, Tanino Tutone, Aversano, Pelliccia, Salvatore Picone, Andrea Pensallorto, Giuseppa Zerbo, Emanuele Saverino, Ester Lo Manto, Riccardo Nicolosi, Maria Busalacchi, Salvo Lo Cascio, Rosario Polizzi, Caterina Porretto, Alessandro Pensallorto, Giacomo Polizzi, Ettore Di Rosa, Salvatore Migliore, Cinzia Piazza e Librizzi. Il sorteggio tra questi 20, per eleggere il “Siciliano DOC 2017”, avverrà domenica 2 luglio, prima d’iniziare il gioco “La nostra lingua” e al vincitore andrà la “Coppa di Sicilitudinità” che gli sarà consegnata, domenica 3 settembre, durante la Festa di Premiazione. “La nostra lingua”, è un gioco dedicato a tutte l’età da 7 a… 177 anni e consiste nell’estrarre da un magico sacchetto, una parola in vernacolo e tradurla in lingua italiana. Anche questo gioco farà vincere ai bravi siciliani, i premi offerti da “Caffè Monachello”, lo sponsor ufficiale dello Zio Pippo.

Franco Verruso

CONDIVIDI