Il Presepe incantato di Madè a Palazzo Steri

647

 

Palermo – Il palermitano Pippo Madè è uno dei maggiori artisti viventi. Ricevuto da Papa Francesco che gli ha dedicato più tempo di quanto riservato a molte Autorità,

Madè ha ottenuto di recente la Laurea Magistrale Honoris Causa dall’Università degli Studi di Palermo. Adesso, nella splendida cornice della Sala delle Verifiche di Palazzo Chiaramonte Steri ed alla presenza del Magnifico rettore Fabrizio Micari, giorno 6 Dicembre si è inaugurata la Mostra “Nativity e Cantico delle creature, sculture in vetro dipinti inediti, disegni e chine” del Maestro.

Opera centrale della mostra, sapientemente allestita ed illuminata dall’architetto Carla Lenzo e da Francesco Miosi, è il Presepe in vetro, opera scultorea realizzata da Madè tra gli anni 70 e gli anni 80 in collaborazione con il maestro vetraio veneziano Loredano Rosin, che, nella sua lunga carriera artistica aveva avuto illustri collaborazioni con grandi dell’arte internazionale come Pablo Picasso, Marc Chagal e Le Corbusier.

Il “Presepe incantato”, così è stato ribattezzato, porta nelle modalità realizzative grandi innovazioni artistiche. Madè , infatti, propone una luce unica attraverso una tecnica di colorazione del vetro al quale mischia, in cottura, metalli preziosi come polvere d’oro zecchino, argento o lapislazzuli , ma soprattutto impone una visione strutturale nuova alle sculture in cui, per la prima volta, le gambe e e le braccia vengono riprodotte aperte.

La mostra, preceduta da poco tempo da una esposizione nella Basilica di Santa Croce a Firenze, sarà visitabile per tutto il periodo natalizio, nei giorni feriali dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 18,00 e nei giorni festivi solo di mattina.

Il Maestro Pippo Madè

Fabio Savagnone

CONDIVIDI