“25 anni senza di lei”. La Casa del Cinema rende omaggio alla diva Audrey Hepburn

727

Roma – “25 anni senza di lei”. La Casa del Cinema rende omaggio alla diva Audrey Hepburn. Il volume Audrey Hepburn. Immagini di un’attrice.Il libro Audrey Hepburn. Immagini di un’attrice (Tabula Fati 2017) scritto dalla giornalista-attrice Margherita Lamesta Krebel. La figura della Hepburn ancora oggi riecheggia in modo potente e trasversale. Tutti conoscono la sua straordinaria influenza nel mondo della moda, divenuta simbolo universale di bellezza e stile, ma poche volte sono stati messi in risalto il suo talento e le sue eccezionali capacità interpretative. Un originale animale scenico che l’American Film Institute ha definito “la terza più grande attrice di sempre”. Premio Oscar al debutto come protagonista in Vacanze Romane, è stata un esempio davvero singolare di carriera, in cui il numero dei film girati è pari al numero dei suoi film di successo. Attraverso il fil rouge di quattro passaggi – innocenza, metamorfosi, moda e maturità – l’autrice ha voluto testimoniare la meravigliosa avventura cinematografica dell’interprete, focalizzando l’analisi sull’acting, senza trascurare la sua allure da diva iconica, capace di affascinare anche al di là della sua bravura. Arricchito dall’uso insolito di tavole-disegno, il libro presenta due inediti: una chiacchierata con il Prof. Andrea Dotti, secondo marito di Audrey Hepburn, e un’intervista a Giancarlo Berardi, ideatore di Julia, fumetto del 1998 con protagonista una detective di successo ispirata, nei lineamenti del volto, alla diva Audrey. L’ottica saggistica del testo – favorita dalla formazione trasversale dell’autrice, che abbraccia cine-ma, moda e recitazione – dialoga con l’approccio passionale dell’autrice, per regalare a tutti la possibilità di apprezzare l’avventura artistica e umana di questa magnifica star. Margherita Lamesta Krebel, giornalista-pubblicista, scrive di cinema, teatro, arte e moda. Laureata in Lettere presso La Sapienza, ha seguito seminari sulla scrittura cinematografica con Vincenzo Cerami, Suso Cecchi D’Amico e Furio Scarpelli, a cura del prof. Orio Caldiron. Giorgio Strehler, Bruce Myers, Greta Seacat, Peter Brook, Michael Margotta, Arnaldo Ninchi, Carl Anderson, Riccardo Biseo, Cathy Marchand, Terry Taylor sono stati i suoi principali maestri nell’approccio alla performance recitativa».

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo

CONDIVIDI