Pine’ ‘a Franca: Partigianu un eroe “sconosciuto”

890

La doppia resistenza costruisce liberta’, democrazia, affetti!

Villabate (Pa)  – Tra i villabatesi, ormai solo i più anziani hanno conosciuto personalmente Giuseppe La Franca, detto Pinè .

Appena appena qualcuno tra i meno giovani, sa che è stato partigiano in Emilia Romagna tra il 1943 e il 1945 con il nome di Emerigo, partecipando da eroe alle battaglie contro i nazisti e i fascisti.

Molti tra i giovanissimi non sanno, fino in fondo, cosa sia stata veramente la Resistenza e cosa essa abbia significato per la nascita della democrazia italiana e della sua Costituzione.

Il “Comitato Utopia”, nato nel 1980 a Villabate allo scopo di salvaguardarne la memoria e l’identità, sostenendo la tutela dei Beni Culturali e ambientali, pone all’attenzione dei singoli cittadini e delle Istituzioni la figura di questo eroe “discreto”, dedicandogli una mostra di foto d’epoca che sarà allestita presso la biblioteca comunale di Villabate.

La mostra sarà inaugurata il 24 aprile alle ore 16,30 alla presenza del figlio di Pinè, Lucio Nicolò, del Sindaco Vincenzo Oliveri, di Caterina Vitale, responsabile dell’associazione culturale “Verso Paideia”, dell’associazione Carabinieri di Villabate, dei dirigenti delle Scuole Medie e del Liceo delle Scienze Umane di Villabate, dei rappresentanti dell’A.N.P.I. di Palermo e dell’architetto Giovanni Giannone, del Comitato Utopia, promotore dell’iniziativa ed estensore di un “appello” a tutta la cittadinanza per la ri-costruzione della memoria dell’impegno di Pinè. L’appello è finalizzato a raccogliere documenti, fotografie, testimonianze orali che potranno essere inviate al “Comitato Utopia” chiamando al n°338.6175085 o scrivendo all’indirizzo e-mail: irideblu88@virgilio.it

La mostra rappresenta solo il momento iniziale di un percorso che si concluderà il 25 aprile 2018 e che speriamo porti, secondo le previsioni, alla stesura di un libro ed alla realizzazione di un documentario sulla figura di Piné e sulle sue gesta, intervistando quanti lo hanno conosciuto in forma diretta o indiretta, per testimoniare che anche molti meridionali hanno profuso impegno per il raggiungimento della libertà e ciò, prima ancora dell’arrivo delle armate americane!!!…

Lo scopo della presente iniziativa è che si formi nel corpo sociale, soprattutto giovanile (anche attraverso l’azione formativa delle scuole), la consapevolezza della necessità di custodire la memoria per difendere il futuro, nella certezza che la libertà e la democrazia, non vanno dati per scontati e vanno difese, giorno per giorno.

Giovanni Giannone

Comitato Utopia

CONDIVIDI