La Fondazione Cini raccontata con un touch: nuove visite guidate giornaliere a San Giorgio Maggiore (ITA-GB)

1127

Venezia – La Fondazione Cini raccontata con un touch: nuove visite guidate giornaliere a San Giorgio Maggiore. «Dal 1 marzo la Fondazione Giorgio Cini apre i cancelli a residenti e visitatori grazie a un avanzato sistema di video guide ideato dalla società D’Uva di Firenze. La primavera del 2018 parte con un importante innovazione per la Fondazione Giorgio Cini, rivolta sia ai residenti che al pubblico internazionale che ogni giorno approda sull’Isola di San Giorgio Maggiore. Dal 1 marzo al 15 luglio, si potranno ammirare i tesori del complesso monumentale dell’Isola dalle ore 10.00 alle ore 17.00, sette giorni su sette, grazie a un progetto sperimentale in collaborazione con la società D’Uva di Firenze, che ha progettato un apposito percorso videoguidato. La visita del complesso monumentale dell’Isola di San Giorgio, grazie all’utilizzo di videoguide con tecnologia touch e un’interfaccia semplice e intuitiva anche per i più piccini, è disponibile in cinque lingue (italiano, inglese, spagnolo, francese e tedesco) e comprende 17 punti d’interesse più 3 approfondimenti multimediali, per circa un’ora complessiva di ascolto.

Il progetto è realizzato in partnership con Assicurazioni Generali.

L’apertura giornaliera ai monumenti dell’Isola di San Giorgio Maggiore, – sottolinea Pasquale Gagliardi, Segretario Generale della Fondazione Cini – ha un triplice scopo:

1) Rendere accessibile al maggior numero possibile di persone, residenti e visitatori nazionali e internazionali, un sito di grande valore storico, artistico e architettonico, oggi troppo poco conosciuto.

2) Promuovere l’azione della Fondazione Cini nella valorizzazione del bene pubblico che le è stato storicamente affidato dallo Stato italiano.

3) Attivare un meccanismo sostenibile e duraturo di recupero di risorse (i proventi della bigliettazione) da destinare al restauro conservativo degli stessi beni dell’Isola.

Accessibilità, Valorizzazione, Conservazione. Tre parole che esprimono la missione della Fondazione Cini sull’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia”

Questo progetto – afferma Simone Bemporad, Generali Group Director of Communications & Public Affairs – rappresenta un ulteriore tassello del mosaico di attività avviate da Generali a sostegno della tutela e promozione del patrimonio culturale a Venezia. Alla riapertura di Palazzo Cini a San Vio, si aggiungono i recenti restauri delle Procuratorie Vecchie e dei Giardini Reali, nell’ambito del nostro più ampio progetto The Human Safety Net, che si pone l’obiettivo di favorire la fruizione allargata di beni di grande pregio ed eccezionale valore culturale. Desidero anche sottolineare che si tratta di una ulteriore collaborazione con la Fondazione Giorgio Cini, con cui ci lega un legame proficuo e duraturo, frutto di un sentire comune che nasce dalla stessa profonda esigenza di prendersi cura delle cose di valore che ci sono affidate”.

Il complesso monumentale è visitabile quindi tutti i giorni, con partenza oraria dalle ore 10.00 alle ore 17.00. Tutti i visitatori, che ricevono una videoguida inclusa nel costo della visita, sono raccolti in gruppi di massimo 25 persone e accompagnati da un operatore. E’ naturalmente possibile effettuare visite guidate private per gruppi organizzati o scolaresche, previa prenotazione. Per organizzare al meglio l’accoglienza dei visitatori, la Fondazione Cini, apre contestualmente anche un nuovo punto informativo di circa 100 metri quadrati, sede della biglietteria e del bookshop aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00 in cui è possibile prenotare la visita guidata e altri eventi della Fondazione Cini, chiedere informazioni sulle sue iniziative e acquistare prodotti di merchandising dedicati. La tecnologia delle videoguide proposte da D’Uva, permette al visitatore di vivere un’esperienza unica che grazie a foto, video e interviste può costruire una memoria personale dell’esperienza di visita. Le videoguide sono inoltre dotate del sistema groupguide, che consente al dispositivo dell’accompagnatore di avviare contemporaneamente un certo numero di guide multimediali nello stesso punto di ascolto per rendere il gruppo compatto nello spostamento. Questa funzione permette la visita in contemporanea di gruppi di nazionalità e lingue diverse. L’esperienza di visita sarà ulteriormente arricchita in una seconda fase da nuove funzionalità: la tecnologia beacon, che permetterà ai visitatori di individuare la propria posizione e visualizzare automaticamente sul proprio dispositivo il contenuto legato all’ambiente in cui si trovano, e la realtà aumentata, per scoprire, attraverso la videocamera del dispositivo, il panorama visibile dall’Isola di San Giorgio. Il tour inizia con il Chiostro Palladiano, seguito dal Chiostro Buora o dei Cipressi, che dei due è quello più antico. Si passa allo spazio del refettorio che si sviluppa attraverso tre ambienti: i due vestiboli e l’aula del Cenacolo vero e proprio, dove si può ammirare il facsimile de Le Nozze di Cana, realizzato da Factum Arte. Un approfondimento viene dato alla boiserie creata e disegnata da Michele De Lucchi nel 2011. La visita prosegue nella Sala delle Fotografie dove si può vedere lo stato del complesso monumentale di San Giorgio prima dell’avvio dei restauri intrapresi da Vittorio Cini nel 1951. Seguendo il percorso indicato dalla nuova segnaletica di orientamento, che è stata progettata per l’occasione, si giunge quindi allo Scalone del Longhena che porta al primo piano. Da qui si visitano le due biblioteche: la Biblioteca del Longhena, senza dubbio uno degli ambienti più interessanti della Venezia barocca, e la Nuova Manica Lunga, ex dormitorio dei benedettini trasformato in biblioteca dall’intervento di Michele De Lucchi. L’itinerario termina con la vista del Labirinto Borges disegnato da Randoll Coate e ispirato al racconto borgesiano Il giardino dei sentieri che si biforcano».

Fondazione Giorgio Cini Onlus, Isola di S.Giorgio Maggiore, Venezia

Info: [Per informazioni: D’Uva Call center, lunedì – venerdì dalle 10.00 – alle 17.00, tel.: +39 366 4202181 – email: visitcini@duva.eu – Foto a corredo dell’articolo: Scalone del Longhena ph. Davide Repetto per D’Uva].

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo

The Cini Foundation recounted with a touch: new guided tours every day in San Giorgio Maggiore

Venice – The Cini Foundation told with a touch: new guided tours every day in San Giorgio Maggiore. «From 1 March the Giorgio Cini Foundation opens its gates to residents and visitors thanks to an advanced video guide system created by the D’Uva company in Florence. The spring of 2018 starts with an important innovation for the Giorgio Cini Foundation, aimed both at the residents and at the international public that every day arrives on the Island of San Giorgio Maggiore. From March 1 to July 15, you can admire the treasures of the island’s monumental complex from 10.00 to 17.00, seven days a week, thanks to an experimental project in collaboration with the company D’Uva of Florence, who designed a special videoguided route. The visit of the monumental complex of the Island of San Giorgio, thanks to the use of videoguides with touch technology and a simple and intuitive interface for the little ones, is available in five languages ​​(Italian, English, Spanish, French and German) and includes 17 points of interest plus 3 multimedia insights, for about a total hour of listening.

The project is implemented in partnership with Assicurazioni Generali.

“The daily opening to the monuments of the Island of San Giorgio Maggiore, – underlines Pasquale Gagliardi, General Secretary of the Cini Foundation – has a threefold purpose:

1) To make accessible to as many people as possible, residents and national and international visitors, a site of great historical, artistic and architectural value, today too little known.

2) To promote the action of the Cini Foundation in the valorisation of the public good that has been historically entrusted by the Italian State.

3) Activate a sustainable and sustainable resource recovery mechanism (the proceeds of the ticketing) to be used for the conservative restoration of the same assets of the Island.

Accessibility, Valorisation, Conservation. Three words that express the mission of the Cini Foundation on the Island of San Giorgio Maggiore in Venice. “

“This project – says Simone Bemporad, Generali Group Director of Communications and Public Affairs – represents a further piece of the mosaic of activities launched by Generali to support the protection and promotion of cultural heritage in Venice. At the reopening of Palazzo Cini in San Vio, there are the recent restorations of the Procuratoria Vecchie and the Giardini Reali, as part of our broader project The Human Safety Net, which aims to encourage the extended use of large assets. value and exceptional cultural value. I would also like to underline that it is a further collaboration with the Giorgio Cini Foundation, with which we link a fruitful and lasting bond, the result of a common feeling that arises from the same profound need to take care of the valuable things entrusted to us “.

The monumental complex can therefore be visited every day, starting from 10.00 am to 5.00 pm. All visitors, who receive a videoguide included in the cost of the visit, are collected in groups of up to 25 people and accompanied by an operator. It is of course possible to take private guided tours for organized groups or school groups, subject to booking. To better organize the reception of visitors, the Cini Foundation opens a new information point of about 100 square meters, the ticket office and the bookshop open every day from 10.00 am to 5.00 pm, where it is possible to book a guided tour. other events of the Cini Foundation, request information on its initiatives and purchase dedicated merchandising products. The videoguide technology proposed by D’Uva, allows the visitor to live a unique experience that thanks to photos, videos and interviews can build a personal memory of the visit experience. The videoguides are also equipped with the groupguide system, which allows the accompanist device to simultaneously start a number of multimedia guides at the same listening point to make the group compact in movement. This function allows the simultaneous visit of groups of different nationalities and languages. The visiting experience will be further enriched in a second phase by new features: the beacon technology, which will allow visitors to identify their position and automatically display content related to the environment in which they are located on their device, and augmented reality , to discover, through the camera of the device, the view visible from the Island of San Giorgio. The tour begins with the Palladian Cloister, followed by the Chiora Buora or dei Cipressi, which is the oldest of the two. We move to the refectory space that develops through three environments: the two vestibules and the hall of the Cenacolo proper, where one can admire the facsimile of Le Nozze di Cana, realized by Factum Arte. A deepening is given to the boiserie created and designed by Michele De Lucchi in 2011. The visit continues in the Hall of Photographs where you can see the state of the monumental complex of San Giorgio before the restoration of Vittorio Cini started in 1951. Following the route indicated by the new orientation signs, which was designed for the occasion, then we arrive at the Scalone del Longhena leading to the first floor. From here we visit the two libraries: the Longhena Library, undoubtedly one of the most interesting areas of Baroque Venice, and the New Manica Lunga, former Benedictine dormitory turned into a library by Michele De Lucchi’s intervention. The itinerary ends with the view of the Labyrinth Borges designed by Randoll Coate and inspired by the borgesian tale The garden of the forking paths ».

Fondazione Giorgio Cini Onlus, Isola di S.Giorgio Maggiore, Venice

Info: [For information: D’Uva Call center, Monday – Friday from 10.00am – 5.00pm, tel .: +39 366 4202181 – email: visitcini@duva.eu – Photo in support of the article: Longhena Staircase ph. Davide Repetto for D’Uva].

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo

CONDIVIDI