Antonio Caputo dipinge un parlamento a colori – un grande artista in casa Parlamento della Legalità Internazionale

746

 

Monreale (PA) – Antonio Caputo dipinge un parlamento a colori – un grande artista in casa Parlamento della Legalità Internazionale. «“La sua forza è la creatività e il suo talento l’amore a tutto ciò che sa di bellezza di originale e di entusiasmo puro”. Stiamo parlando di un artista di tutto rispetto che dopo ave conosciuto e apprezzato l’attività’ culturale del Parlamento della Legalità Internazionale ha subito preso pennelli e foglio e ha sintetizzato il messaggio di speranza e di riscatto che il movimento propone su territorio internazionale. Lui è Antonio Caputo, un nome che firma bene l’originalità’ delle sue opere d’arte e propone quanto di più bello e di “fresco” può colpire l’osservatore che viene catturato dalle sue opere. Ma chi è l’artista in questione da poco facente parte della grande famiglia del Parlamento della Legalità Internazionale?

Antonio Caputo è nato a Fiumefreddo Bruzio (CS); dopo aver frequentato l’Istituto Statale d’Arte di Cetraro (CS) sezione Metalli e l’Accademia di Belle Arti di Catanzaro, indirizzo Scenografia, si trasferisce a Sansepolcro (AR) dove inizia a lavorare come docente presso l’Istituto Statale d’Arte G. Giovagnoli e dove tuttora vive. In questi anni partecipa a mostre e concorsi di pittura collettiva in ambito regionale e nazionale, sia personali che come docente. Parallelamente compie esperienze legate all’illustrazione collaborando al volume “Città di Castello, itinerari d’arte e di storia” della collana le Guide del Viaggiatore Raffinato, Edimond s.r.l., Città di Castello, 2005. Dal 2002 ha collaborato anche a numerosi allestimenti di mostre come l’ottava e la nona Biennale di Arte Orafa di Sansepolcro e la dodicesima Biennale del “Merletto” di Sansepolcro. Ha, inoltre, partecipato ad alcune messe in scena di opere teatrali, svolte in ambito scolastico, nelle quali ha curato l’allestimento e la scenografia come “Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare e il Musical “Notre-Dame de Paris”. Nel 2015 partecipa alla XXI Biennale Europea d’Arte Fabbrile nel concorso internazionale di progettazione e disegno “P. Luigi della Bordella”, dove riceve il secondo premio. La passione per la pittura lo ha accompagnato sin dall’infanzia. Adora la sperimentazione di nuovi materiali e nuove tecniche sempre in continua evoluzione. Ha una passione per la mitologia e l’età classica.

Sono fiero – dice Nicolò’ Mannino, Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale – di dare il benvenuto al grande artista e da tempo amico Antonio Caputo che apprezzando quanto proposto dal nostro movimento culturale ha subito disegnato la locandina e colorato gli attestati che omaggeremo a tutti i partecipanti al nostro secondo convegno nazionale in calendario il prossimo sei e sette settembre a Monreale presso il Palazzo Arcivescovile. All’artista Caputo va tutto il mio plauso e il grazie di cuore che esprime gratitudine a chi ama l’arte e la sa proporre con stile e professionalità”. Nicolò Mannino anticipa: “Al grande artista Antonio Caputo conferiremo prossimamente un singolare segno di riconoscimento per aver ideato e creato una vera opera d’arte che renderemo visibile al convegno e che ognuno porterà con sé visto che la riprodurremo negli attestati di partecipazione e anche nella locandina ufficiale”. La stima e l’ammirazione di Nicolò’ Mannino verso Antonio Caputo sancisce e sigla un rapporto cultuale e artistico che rende ancora più prezioso il legame tra arte e cultura di vita. Ad Antonio Caputo il benvenuto in casa Parlamento della Legalità Internazionale».

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo

Antonio Caputo

 

CONDIVIDI