“La ragazza dell’ex Jugoslavia”di Marina Jurjevic, Edizioni Kimerik

327

Patti (Me)“La ragazza dell’’ex Jugoslavia” libro di Marina Jurjevic, (Edizioni Kimerik).

Libro: Il destino talora sembra accanirsi contro un individuo. È quello che accade a Tamara, protagonista di questo romanzo, costretta a subire violenze e soprusi senza un’apparente ragione. Tamara è una donna ferita, distrutta da quella sofferenza contro la quale combatte sin dalla più tenera età, è sola, non sa che fare, si sente sempre più legata a colui che non l’’ha mai amata ma l’’ha resa più fragile tendenzialmente a causa della paura di un nuovo abbandono. Un romanzo da apprezzare pagina dopo pagina, denso di spunti di riflessione che fanno stringere il cuore. Ci si commuove, si spera, si assumono nuove consapevolezze. Si impara a credere che, oltre le difficoltà e le disavventure che la vita possa riservare, vi sarà sempre uno spiraglio di luce, una piccola goccia di speranza, vero lume dell’esistenza.

L’autrice: Nata a Spalato, Croazia, l’’8 ottobre del 1986, Marina Jurjevi ha avuto un’infanzia segnata da vari spostamenti dovuti alla guerra nell’a ex Jugoslavia negli anni Novanta. L’esser venuta a contatto con diverse realtà culturali l’’ha resa sensibile e introspettiva; quasi chiusa nella sua malinconia. Già all’’età di otto anni scopre la passione per la scrittura e in particolar modo per la poesia. Scrive sia in croato che in italiano, che è la sua seconda lingua. Nel corso degli anni partecipa a vari concorsi letterari sia in Croazia che in Italia, ottenendo un ottimo riscontro da parte delle giurie. Nel 2012 pubblica il libro di poesie Dolce amore falso, scritto in italiano, che racchiude le emozioni di una vita tra la Croazia e la Sicilia.

La ragazza dell’’ex Jugoslavia è il suo primo romanzo, scritto sempre in italiano e in parte autobiografico, ispirato da luoghi che l’hanno formata come persona e che continuano a far parte della sua vita. Oggi vive a Como, dove lavora nel settore del commercio ma continua a coltivare la sua passione per la parola scritta.

CONDIVIDI