Mostre alla Fondazione Giorgio Cini e Palazzo Cini

1165

 

Venezia – Riportiamo per i lettori le Mostre che si terranno alla Fondazione Giorgio Cini e Palazzo Cini.

Adrian Ghenie a Palazzo Cini

Tra gli eventi più importanti dell’anno, ricordiamo dal 19 aprile al 18 novembre l’apertura stagionale della Galleria di Palazzo Cini a San Vio, grazie alla partnership di Assicurazioni Generali. In concomitanza con la 58. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, in collaborazione con la Galerie Thaddaeus Ropac (Londra, Parigi, Salisburgo), verrà ospitata al secondo piano una personale dedicata ad Adrian Ghenie, artista rumeno di fama internazionale, che per l’occasione presenterà nuove serie di dipinti inediti.

Alberto Burri a San Giorgio

Dal 10 maggio al 28 luglio gli spazi dell’Ala Napoleonica della Fondazione Giorgio Cini ospiteranno, in concomitanza con la 58. Biennale d’Arte di Venezia, una retrospettiva antologica dedicata a Alberto Burri. La mostra, a cura di Bruno Corà, nasce dalla volontà della Fondazione Giorgio Cini e della Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri di Città di Castello di riportare a Venezia le opere più significative di un artista la cui ultima antologica risale al 1987. L’esposizione ripercorre cronologicamente le più significative tappe del percorso del Maestro della ‘materia’ attraverso molti dei suoi più importanti capolavori. Con circa 50 opere provenienti dalla Fondazione Burri, da musei italiani e stranieri e da collezioni private, verrà così ricostruita nella sua interezza la parabola storica di uno dei più grandi protagonisti dell’arte italiana ed europea del XX secolo. Insieme alla Fondazione Cini e alla Fondazione Burri, collaborano alla realizzazione dell’evento Paola Sapone M.C.I.A. e Tornabuoni Art.

Emilio Isgrò a San Giorgio

Dal 29 agosto al 24 novembre gli spazi dell’Ala Napoleonica della Fondazione Giorgio Cini ospiteranno anche la mostra omaggio a Emilio Isgrò che vede coinvolte Banca Intesa Sanpaolo, Tornabuoni Art e lo stesso studio dell’artista. La mostra porterà in scena il tema della cancellatura, centrale nella ricerca artistica di Isgrò, e verranno esposti per la prima volta al pubblico anche lavori tridimensionali dove la cancellatura interviene su sculture-sfera che rappresentano i globi terresti.

Le Stanze del Vetro

Prosegue con due nuove mostre l’attività de LE STANZE DEL VETRO, iniziativa per lo studio e la valorizzazione dell’arte vetraria veneziana del Novecento nata dalla collaborazione tra Fondazione Cini e Pentagram Stiftung. Maurice Marinot. The Glass, 1911-1934, a cura di Jean-Luc Olivié e Cristina Beltrami e organizzata da LE STANZE DEL VETRO insieme al MAD Museo delle Arti Decorative di Parigi, sarà il primo tributo internazionale al lavoro del grande artista francese – e artigiano del vetro – Maurice Marinot (1882 – 1960), figura centrale per lo sviluppo di questo materiale poiché, con il suo lavoro di ricerca e sperimentazione, ha posto le basi del vetro moderno e contemporaneo a cui generazioni di artisti e designer si sono successivamente ispirati. Saranno inoltre esposti progetti, disegni e schizzi provenienti principalmente dalla raccolta del Dipartimento di Arti Grafiche del MAD di Parigi. L’esposizione sarà aperta al pubblico sull’Isola di San Giorgio Maggiore dal 25 marzo al 28 luglio 2019.

In autunno invece la mostra Thomas Stearns alla Venini (9 settembre 2019 – 6 gennaio 2020) sarà dedicata all’artista americano che giunse a Murano nel 1960. La mostra e il relativo catalogo vogliono raccontare l’esperienza muranese di Stearns mettendo insieme per la prima volta tutte le opere che si sono conservate e che in gran parte possono essere considerate pezzi unici.

Fondazione Giorgio Cini Onlus, Isola di S. Giorgio Maggiore, Venezia

Info:

Web: (www.cini.it)

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo

 

CONDIVIDI