Palazzo Pitti: Carrozze e Carri trionfali del periodo barocco

1191

 

Firenze – “Il carro d’oro di Johann Paul Schor. L’effimero splendore dei carnevali barocchi”. Uffizi, a Palazzo Pitti una mostra fa rivivere i carnevali barocchi. In esposizione insieme ad altre opere il grande dipinto del ‘Carro d’oro’ di Johann Paul Schor, dal 19 febbraio fino al 5 maggio.

Carrozze e Carri trionfali del periodo barocco

«Johann Paul Schor, nel cartiglio visibile sulla destra del quadro con il Corteo carnevalesco del principe Borghese qui esposto, si dichiarò con orgoglio autore della pittura ma aggiungeva inoltre di essersi direttamente occupato del Carro d’oro, raffigurato nella tela e sfilato per le vie di Roma il giovedì grasso del 1664. Si trattava di una struttura imponente, realizzata in materiali effimeri, noti in dettaglio grazie ai documenti dell’epoca che ci riferiscono di un fusto ligneo, smontabile in più parti, rivestito di tele dipinte, con inoltre elementi in cartapesta e paglia sorretti da un’armatura di ferro.

Ma Schor e gli artisti della sua cerchia, così come numerose altre personalità attive in epoca barocca, si impegnarono anche in progetti per carrozze di uso quotidiano o di gala da ostentare sulla scena cittadina. Accessoriati senza badare a spese con intagli dorati, cuoi dipinti, rivestimenti in seta, guarnizioni di metallo, cristalli, specchi e talvolta pennacchi, questi mezzi sono andati perduti nella maggioranza dei casi e ci sono noti attraverso le descrizioni o le immagini offerte dai dipinti, dai disegni e dalle incisioni che mettono a fuoco dettagli tecnici o decorativi».

Sala delle Nicchie, Galleria Palatina, Palazzo Pitti, Firenze

Info e prenotazioni: Firenze Musei 055.294883

Servizio visite guidate

Info e prenotazioni:

Firenze Musei 055.290383

Email: e-mailfirenzemusei@operalaboratori.com

Sito web: www.uffizi.it

Foto a corredo dell’articolo: Johann Paul Schor (Innsbruck 1615 – Roma 1674). Il corteo del principe Giovan Battista Borghese per il Carnevale di Roma del 1664. 1664, olio su tela. Gallerie degli Uffizi,Firenze.

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo

 

CONDIVIDI