Atteso il libro “Profeticamente Scomodi” di Nicolò Mannino

558

 

Monreale (PA) – Atteso il libro “Profeticamente Scomodi” di Nicolò Mannino. «Anni di riflessione e di lavoro incessante, un’attenta composizione dei pensieri e delle riflessioni che non sfiorano minimamente la retorica ma vanno diritti al cuore e creano quel “silenzio” che educa all’ascolto dell’anima e offre l’antidoto per lottare contro ogni maschera dell’apparire cercando di chiamare “La Verità” con il suo nome e cognome. E’ questa in sintesi l’azione culturale del libro tanto atteso (principalmente da un pubblico di docenti e giovani di tutta Italia) a cura di Nicolò Mannino dal titolo “Profeticamente Scomodi: Quando un uomo si sporca le mani, Don Tonino Bello”. Un’opera alla quale Nicolò Mannino (noto a un ampio pubblico di lettori di tutte le categorie sociali, per i suoi testi di carattere socio/culturale a favore dei valori della legalità, della pace, della solidarietà pura e disarmante) ha lavorato per anni, conseguendo così la Specializzazione in S. Teologia Spirituale, facendo  conoscere ancora nei dettagli lo zelo pastorale di un “grande Uomo  di Dio” che nella Chiesa è stato un’autentica “pietra d’inciampo”: Don Tonino Bello.  Nicolò Mannino si è rivolto all’editore Carlo Guidotti, una personalità illustre e valida nel mondo dell’editoria, colonna portante della Casa editrice Ex Libris e a lui ha affidato il testo tanto atteso dalla Lombardia alla Sicilia e non solo, da docenti, giovani, sacerdoti, semplici cristiani e non, uomini e donne che una  volta tanto desiderano dissetare il grido di verità e di libertà che alberga nel cuore di chi crede che non occorrono “fans” ma “giocatori” che sanno scendere in campo e lottare per il bene comune.  Per rendere l’opera ancora più preziosa e ricca di spunti di riflessione, Nicolò Mannino ha chiamato a collaborarlo nella stesura dei capitoli diversi amici: dallo psicologo di fama nazionale Enzo Sarnelli al Cardinale Salvatore De Giorgi, dall’avvocato/giornalista Gennaro Grimolizzi al direttore d’orchestra Nicola Guerini, dai giovani studenti di un liceo della Lombardia a quelli del Parlamento della Legalità Multietnico di Palermo, dal vicepresidente del Parlamento della Legalità Internazionale, Salvatore Sardisco al docente del Liceo d’Arte della provincia di Arezzo (Antonio Caputo) che ha pure curato la copertina del volume dopo settimane e settimane di attento e meticoloso studio. La prefazione è a firma di Don Sergio Mercanzin, sacerdote e giornalista fondatore del Centro Russia Ecumenica di Roma – dottore in Scienze Orientali mentre l’introduzione è di Mons. Michele Pennisi, Arcivescovo di Monreale e guida spirituale del Parlamento della Legalità Internazionale. “I nostri giovani cercano figure forti, messaggi veri – dice Nicolò Mannino – e se noi non proponiamo queste identità meravigliose come Don Tonino Bello che hanno fatto della loro vita un capolavoro di bellezza e di verità, abbiamo oscurato volti e storie che invece hanno diritto di Parola dove in tanti vendono surrogati di menzogne e finti paradisi artificiali”. Atteso, quindi, questo libro “Profeticamente Scomodi” che indica il volto e la storia di un “Uomo” che non ha fatto cronaca ma è passato alla storia con una esortazione che è stato il suo slogan episcopale, la colonna sonora della sua preghiera del cuore: “Ascoltino gli umili e si rallegrino”. Il libro sarà presentato il prossimo sette settembre a Monreale presso il Palazzo Arcivescovile in occasione del terzo Convegno Nazionale del Parlamento della Legalità Internazionale a partire dalle ore nove e trenta del mattino. Saranno presenti tutti coloro che hanno contribuito a rendere viva la “Voce intramontabile” di Don Tonino Bello». 

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo

 

CONDIVIDI