Intesa Uffizi-Opificio delle Pietre Dure: i visitatori delle Gallerie entrano gratis anche al Museo di via degli Alfani

1336

 

Firenze – Intesa Uffizi-Opificio delle Pietre Dure, con biglietto Gallerie. Si entra gratis al Museo dell’Ente di Restauro. L’accordo prevede anche investimenti a sostegno dell’Istituto e l’impegno a realizzare progetti scientifici comuni.

Uffizi ed Opificio delle Pietre dure insieme per un accordo di collaborazione che consentirà ai visitatori delle Gallerie di entrare gratuitamente nel meraviglioso museo dell’Opificio.

«A siglare l’intesa, della durata di cinque anni e rinnovabile, sono stati il direttore degli Uffizi Eike Schmidt e il soprintendente dell’Opificio Marco Ciatti. Il patto prevede, con effetto immediato, che ogni biglietto degli Uffizi comprenda anche l’ingresso gratis al Museo dell’Opificio (che ha sede in pieno centro, al n.78 di via degli Alfani): sarà possibile effettuare la visita entro 5 giorni dalla data dell’utilizzo del biglietto agli Uffizi. Anche l’abbonamento annuale Passepartout degli Uffizi e di tutte le Gallerie (inclusi dunque Palazzo Pitti e Giardino di Boboli per i 365 giorni successivi al primo uso) comprendono adesso l’ingresso gratuito sia al Museo Archeologico Nazionale (in vigore già dal 2018) che al Museo dell’Opificio delle Pietre Dure. Non solo. La nuova unione ha anche importanti risvolti economici e scientifici: in base all’accordo, infatti le Gallerie degli Uffizi accantonano il 2 % del ricavo della bigliettazione degli Uffizi per investimenti dedicati all’Opificio, che potranno spaziare da restauri a lavori architettonici, da nuovi allestimenti e pubblicazioni, a mostre e progetti di ricerca. C’è anche l’impegno, da parte di entrambe le istituzioni, a realizzare insieme progetti di ricerca e divulgazione, con eventi, cicli di lezioni e laboratori. L’intesa ricalca quella siglata nel gennaio dello scorso anno tra Uffizi e Museo Archeologico Nazionale. Nel museo dell’Opificio (fondato come manifattura di materiali preziosi nel 1588 dal Granduca Ferdinando I de’ Medici e in origine localizzato proprio nell’edificio degli Uffizi), i visitatori troveranno l’antica raccolta di strumenti per l’intarsio ed un campionario completo delle pietre dure risalente all’epoca medicea, oltre a dipinti, vasi e suppellettili di varie epoche».

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt:

Con questo accordo, si ribadisce e si estende l’impegno degli Uffizi a favore di realtà museali negli ultimi tempi sfortunatamente meno note e meno interessate dai flussi turistici. Si stabilisce così un circolo virtuoso di distribuzione delle risorse. Già dall’anno scorso è in vigore l’accordo tra gli Uffizi e il Museo Archeologico Nazionale, che porta nuova linfa e mezzi economici a uno dei tesori più preziosi e più ingiustamente trascurati del nostro patrimonio. La gratuità d’ingresso, dopo l’acquisto del biglietto delle Gallerie degli Uffizi, dura ben cinque giorni, e permette ai visitatori di allargare la visita della città, spostando il flusso turistico in direzione centrifuga rispetto al quadrilatero romano. Abbiamo pertanto deciso di unire ancora di più le forze con l’Opificio delle Pietre Dure, con il quale già lavoriamo a strettissimo contatto nel segno della ricerca e della tutela dei nostri bellissimi capolavori”.

Il soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure Marco Ciatti:

Dopo la fruttuosa esperienza, in questi ultimi quattro anni, di intensa collaborazione tra Opificio e Gallerie degli Uffizi, siamo assali lieti di assumere questo impegno reciproco che valorizzerà il piccolo ma prezioso museo dell’Opificio e consentirà di accrescere ancora di più i ben noti risultati scientifici nel campo della diagnostica e non solo raggiunti grazie alla storica sinergia tra queste due istituzioni”.

Le Gallerie degli Uffizi, Piazzale degli Uffizi, 650122 – Firenze

Info:

Telefono: +39 055 2388 831

Web: www.uffizi.it

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo

 

CONDIVIDI