Palermo #riparte dai suoi siti culturali. RestART dal 3 luglio al 29 agosto  musei, oratori, chiese, orti, cupole aprono le porte in notturna e in piena sicurezza

27

 

Palermo – Ripartire dal territorio. Si può e si deve. Perché la Palermo colma di turisti – con il centro storico che rigurgita ristorantini di charme e il Cassaro affollato da visitatori che passano indifferentemente da una chiesa normanna ad un oratorio serpotta – in questo momento è solo un vago ricordo. 

Per questo motivo nasce RestART, festival di ultima generazione, che apre in notturna alcuni tra i più importanti siti della città partendo dalla rete di istituzioni pubbliche e fondazioni private: sarà questa la cartina di tornasole per “testare” la potenza attrattiva della città e ripartire da qui, palermitani, innanzitutto, e turisti.

 

Dal 3 luglio al 29 agosto, ogni venerdì e sabato si visiteranno, con ingressi contingentati e prenotazione online, scegliendo l’orario tra le 19 e mezzanotte. Biglietto: 3 euro per ciascuna visita. Si potranno visitare i quattro oratori serpottiani – i pizzi di stucco di Santa Cita, la Natività scomparsa di San Lorenzo; San Mercurio, con pan·de·mì·a, videoinstallazione, frutto del lavoro di 15 artisti; e il Santissimo Rosario in San Domenico con la prima rappresentazione di Santa Rosalia di mano di Van Dyck ; si scopriranno in notturna le tele di Palazzo Abatellis, i reperti del Museo archeologico Salinas, gli stucchi dell’Oratorio dei Bianchi, gli arredi di Palazzo Mirto, le installazioni di Boltanski al Museo Riso, ma anche le collezioni particolari di Villa Zito – dove riapre la personale di Nicola Pucci, fermata dall’emergenza – e Palazzo Branciforte, con gli scaffali malinconici del Monte di Pietà. Si entrerà fino a mezzanotte nei palchi del Teatro Massimo e si passeggerà tra i ficus dell’Orto Botanico; si scoprirà l’altare del Gagini restituito allo Spasimo, ci si perderà tra i marmi mischi di Santa Caterina e si salirà sulla sua cupola; su quella del Santissimo Salvatore, affacciata sui tetti del Cassaro, e sulla torre di Sant’Antonio Abate, da dove si osserva la Vucciria addormentata. Una prospettiva inedita anche per la chiesa della Catena, la Gancia, la chiesa di San Matteo, Casa Professa e lo straordinario Archivio Storico; e per i siti arabo normanni, la chiesa di San Giovanni degli Eremiti con le sue cupole. Saranno organizzati eventi e singoli appuntamenti anche in siti diversi, come la visita guidata con degustazione nei giardini romantici di Villa Tasca, il 18 luglio.

 

Palermo, dunque, deve ripartire. Dai suoi tesori più autentici: quell’enorme patrimonio di siti culturali, musei, palazzi che permettono di leggerla attraverso periodi, dominazioni, strati diversi che sono la vera ricchezza di una città multiculturale. La città aveva sviluppato un percorso virtuoso capace di generare economia ed orgoglio civico, e comunanza di visione tra tutti i soggetti istituzionali e gli enti privati. Ma il Covid-19 è riuscito a spazzare via il “tesoretto” di immagine e risonanza culturale capitalizzato con la nomina a Capitale italiana della Cultura e con l’arrivo di Manifesta. Il lockdown ha provocato la chiusura di tutto il patrimonio monumentale, l’azzeramento delle attività delle associazioni culturali, dello spettacolo e degli artisti; lo stop di tutte le realtà commerciali, ristoranti, bar, alberghi, B&B, negozi vari collegati, il mondo delle guide turistiche: per questo si è sentita la necessità di proporre un progetto che possa creare le basi per una ripartenza mirata al turismo di prossimità, gestita nella massima sicurezza che i tempi richiedono.

#Laculturariparte è l’hashtag con cui ho dato avvio al mio mandato di assessore ai Beni culturali della Sicilia accelerando la riapertura di musei, parchi e di tutti i luoghi dove è custodito l’enorme patrimonio culturale dell’isola – dice Alberto Samonà, assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana – Palermo è una città unica perché sublima testimonianze di una storia che si tramanda attraverso siti unici, emblemi di identità profondamente radicati nel nostro essere. Palermo di giorno è un tripudio di luci, suoni e colori. Di notte si trasforma e offre un volto diverso, affascinante, magico nella bellezza dei suoi vicoli, nella suggestione dei suoi musei. Aprire la città nelle ore notturne significa offrire una proposta culturale accessibile a tutti: un modo di conciliare il piacere di una giornata al mare con una cena tra i vicoli del centro storico e la visita di luoghi affascinanti. La cultura è un corpo vivo che si adegua alle esigenze e deve essere accattivante. Per questo, guardo con apprezzamento e condiviso interesse a RestART che mette in rete e apre in notturna il patrimonio monumentale della città, offrendo valore aggiunto alla proposta culturale della Sicilia”.

 

RestART” è frutto della collaborazione tra l’associazione Amici dei Musei Siciliani e Digitrend, azienda specializzata in Digital Transformation che ha sviluppato, attraverso il progetto Wonder Cultura seguito da Gianni Messina, una piattaforma smart di prenotazione, ticketing ed audio guide. www.restartpalermo.it. Con il patrocinio del Comune di Palermo e dell’ Assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità siciliana.

 

La città riparte orgogliosamente, unita dalla sua bellezza;  così nasce RestART, un’iniziativa nata dalla volontà di non disperdere il patrimonio culturale e sociale che in questi anni hanno fatto guadagnare a Palermo il ruolo di Capitale – dice Bernardo Tortorici di Raffadali che di RestART è il curatore – I risultati raggiunti sono sempre stati il frutto di un grande lavoro corale e da qui intendiamo ripartire. Ringrazio tutte le Istituzioni che con grande generosità e spirito di collaborazione hanno voluto condividere il progetto ed invito i cittadini a tornare a frequentare i nostri salotti per riappropriarsi della bellezza, che di notte ha un sapore particolare. Che emozione immensa, passeggiata nell’Orto botanico o nel chiostro di S. Giovanni degli Eremiti di sera, rivedere l’Annunziata e gli stucchi del Serpotta nelle calde serate palermitane! E se, come penso, la bellezza può generare economia, la presenza di Confcommercio rafforza l’idea che RestART, oltre a rappresentare un’offerta turistica nuova dal grande potenziale per gli anni a venire, possa servire alla ripresa di tutte quelle attività produttive che dal turismo hanno ricevuto linfa vitale”.

 

Riteniamo doveroso sostenere le iniziative virtuose che puntano alla valorizzazione dei siti più belli di Palermo – spiega Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo e presidente nazionale del gruppo Terziario Donna di Confcommercio – . Siamo a favore della cultura del fare e turismo, cultura e arte sono elementi essenziali di quella che ho spesso definito “economia della bellezza”: la bellezza è amica dell’azione virtuosa, del progresso, evoca modernità e contrasta la dissoluzione. RestART, che nasce dopo una crisi epocale, è testimonianza di coraggio e di amore verso la città”.

 

RestART è un vero e proprio festival inedito che vuole tornare a coinvolgere la città e  le sue maggiori istituzioni, Comune, Regione Siciliana, Università, Curia, Fondazioni private, Teatro Massimo, il percorso arabo normanno UNESCO e tutto l’associazionismo culturale; e lavora in stretta collaborazione con Confcommercio, offrendo anche un’opportunità di ripartenza per l’indotto commerciale ovvero bar, ristoranti e strutture ricettive della città. L’avventura del nuovo festival parte proprio dal logo che rimanda ad esperienze precedenti, ma segna graficamente il riavvio. E dall’immagine guida, la Madonna del Rosario di Van Dyck (nell’oratorio del Santissimo Rosario in San Domenico) che tra le sue sante vede raffigurata per la prima volta Santa Rosalia e, in basso un bambino che si tura il naso per sfuggire agli odori ed al contagio della peste: cosa ha di diverso da un bimbo che oggi mette la mascherina per difendersi dal Covid?

 

Info pratiche

RestART si svolgerà da venerdì 3 luglio a sabato 29 agosto. I siti apriranno straordinariamente in notturna, ogni venerdì e sabato dalle 19 a mezzanotte. Ingressi e prenotazioni su www.restartpalermo.it, scegliendo precisi slot orari, secondo le indicazioni di ciascun sito, in modo da poter garantire un corretto numero di partecipanti e l’osservanza delle norme anti covid. Igienizzazione all’ingresso e mascherine per i visitatori, misurazione della temperatura all’ingressi dei musei. Il pubblico potrà scaricare tramite App, notizie e curiosità sui luoghi su cellulari e tablet personali, in completa sicurezza. Ingressi: 3 euro se il biglietto viene acquistato sulla piattaforma online; 4 euro all’ingresso dei siti, nel caso ci fossero ancora posti liberi.

 

I  siti

Chiesa di Santa Caterina
Cupola di Santa Caterina
Chiesa dello Spasimo (dal 10 luglio)
Palazzo Abatellis
Palazzo Mirto (dal 10 luglio)
Museo Archeologico Salinas

RISO – Museo di arte contemporanea
Palazzo Branciforte
Villa Zito
Teatro Massimo (dal 10 luglio)
Orto Botanico

Oratorio dei Bianchi
Chiesa della Catena
Chiesa del SS. Salvatore
Cupola del SS. Salvatore
Chiesa di S. Matteo
Torre di S. Antonio
Chiesa di Casa Professa (aperta il 3, l’11, il 17 e il 25 luglio; ad agosto, l’8, il 21 e il 29)
Archivio Comunale

Chiesa della Gancia (aperta il 18 e 31 luglio e 22 agosto)
Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti
Oratorio di S. Lorenzo

Oratorio di S. Mercurio

Oratorio di S. Cita

Oratorio del SS. Rosario in San Domenico

La personale “Nicola Pucci. Opere 1999 – 2019” 

riapre i battenti  a Villa Zito

Visite venerdì e sabato dal 3 luglio al 29 agosto per RestART

Palermo – E’ stata la mostra più visitata del primo trimestre dell’anno, a Palermo: le tele e le sanguigne di Nicola Pucci – esposte a Villa Zito, sede della Fondazione Sicilia, in collaborazione con Settimana delle Culture – hanno raccolto ogni giorno decine di visitatori, ma anche di collezionisti e appassionati. Numeri importanti, ma la pandemia ha cristallizzato tutto. E oggi finalmente si riparte, in collaborazione con il festival RestART: la personale “Nicola Pucci. Opere 1999 – 2019”, ritorna visitabile, ogni venerdì e sabato dal 3 luglio al 29 agosto, dalle 19 a mezzanotte. Biglietto: 3 euro con la visita all’intera collezione di Villa Zito.

 

Un viaggio in mondi onirici, popolati da figure che si muovono in contesti impossibili: un percorso impaginato da Paola Nicita, sfacciatamente surreale ed estremamente realistico, carico di energie catartiche, condensato anche in una piccola quadreria-sommario che raccoglie gli ultimi vent’anni di attività del pittore palermitano. Che ha presentato anche un suo coté del tutto inedito, visto che ha esposto anche la sua prima scultura.

 

Nicola Pucci

Dopo il liceo classico, Nicola Pucci (Palermo, 1966) ha frequentato un corso quadriennale di illustrazione pubblicitaria allo IED di Roma. Dopo un breve periodo trascorso a Vipiteno disegnando copertine per i celebri quaderni Pigna, nel 1990, tornato a Roma e in seguito a Palermo, Pucci ha iniziato a dedicarsi alla pittura. Dal 1995 ad oggi il suo lavoro è stato esposto in Italia, Gran Bretagna e Stati Uniti. La pittura di Nicola Pucci si è guadagnata, nel corso degli anni, l’attenzione di Philippe Daverio, Gianluca Marziani, Vittorio Sgarbi e del gallerista americano Larry Gagosian che ne sono divenuti appassionati collezionisti.

www.nicolapucci.it

 

Nicola Pucci

Opere 1999 – 2019

 

a cura di Paola Nicita

 

Palermo | Fondazione Sicilia – Villa Zito

 

Villa Zito | via della Libertà 52 | Palermo

Tel +39.091.7782180 | info@villazito.it

Evento Speciale: 18 Luglio | Villa Tasca | Visita guidata e drink

 

Una visita guidata al giardino di Villa Tasca: sarà possibile passeggiare per i viali immersi nella lussureggiante vegetazione, ripercorrendo i momenti storici-culturali che hanno portato alla sua realizzazione. Per scoprire uno dei giardini più emblematici del Romanticismo siciliano ottocentesco, ma anche una dimora storica, una casa di famiglia dove hanno soggiornato diversi personaggi illustri, tra cui Wagner, re Ferdinando di Borbone e la regina Carolina, Bismarck, Margherita di Savoia e Jacqueline Kennedy.

I visitatori potranno scoprire anche gli interni dei saloni del piano nobile, sotto i nobili  affreschi, e la collezione di maioliche addolcite da scene rupestri. Un’atmosfera magica che Wagner, durante il suo soggiorno a Villa Tasca, trasformò in musica visto che da qui nacque il secondo atto del Parsifal.

La visita durerà un’ora e, al termine,  verrà offerto un drink in terrazza con vini Tasca d’Almerita.

 

INFO:

18 luglio | ore 18,30

massimo 20 partecipanti

Biglietto: 30 euro

Prenotazione: www.restartpalermo.it

Copertina:Orto botanico in notturna

Nicola Pucci
CONDIVIDI