Esce nelle librerie il volume “Isola di Ustica – La Cucina è Cultura”

50

Ustica (Pa) – “Isola di Ustica – La Cucina è Cultura”, scritto a quattro mani da Anna Russolillo e Vittorio Arnò, primo volume di una collana inedita, nel panorama letterario, relativo alla gastronomia che fornisce, oltre alla sezione tradizionale delle ricette, un corposo e diversificato corollario scientifico, realizzando un’opera multidisciplinare.

 

La Sicilia tutta, isole comprese, è uno scrigno preziosissimo di luoghi in cui la tradizione della tavola attraversa millenni e tradizioni esaltando il cibo: elemento primario di identità di un popolo che riflette le caratteristiche di un territorio e delle sue evoluzioni,  registrate nei secoli.

 

Sulla base di questa considerazione nasce il progetto di Anna Russolillo, architetta e giornalista, fondatrice e presidentessa del Villaggio Letterario, e di Vittorio Arnò, conoscitore dell’incontaminata perla del Tirreno, che ha portato alla stesura di questo primo volume su Ustica, una preziosa e inedita, nel suo genere, antologia che raccoglie le antiche ricette delle famiglie usticesi e le ricette della tradizione di due noti chef siciliani Enzo Oliveri, Rosario Picone e della giovane pastry chef usticese Paola Padovani. Chiude il cerchio dell’enogastronomia la selezione di vini siciliani di nicchia in abbinamento curata dall’enologo e presidente DOC Sicilia Gianni Giardina. 

 

Il libro, che uscirà nelle librerie di tutta Italia e anche su Amazon e Ibs, edito da Villaggio Letterario e Lunaria Onlus A2, con il patrocinio dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana e del Comune di Ustica, contiene gli approfondimenti culturali e scientifici di Annamaria Amitrano, Francesco Cinelli, Matteo Collura, Sara Favarò, Salvo Ferlita, Franco Foresta Martin, Aldo Messina, Gianfranco Purpura, Rosario Schicchi, Claudia Speciale, Andrea Govinda Tusa. Scatti di maestri della fotografia quali Vincenzo Ambrosiano e di Vittorio Sciosia, colori delle ceramiche di Susanna De Simone e immagini delle tele del pittore Filippo Lo Iacono.

 

Alle 120 ricette di 50 famiglie dell’isola raccolte di porta in porta o meglio di cucina in cucina, si affiancano i contributi di professionisti del mondo dell’antropologia, dell’archeologia, della botanica, della biologia marina, della storia, della letteratura, della nutraceutica, dell’archeobotanica, della geologia e della vulcanologia. 

 

In “Isola di Ustica – La Cucina è Cultura” si raccontano piatti in cui è custodita un’antica sapienza che gli abitanti hanno saputo arricchire e rielaborare, fino a definirne l’unità gastronomica, esplorando la natura vulcanica della terra, la storia millenaria dell’isola, l’evoluzione del cibo, degli utensili e dei modi di cucinare delle comunità che hanno abitato l’isola a partire dal neolitico, il valore aggiunto delle erbe spontanee officinali del luogo, il rapporto con la biologia marina: elementi che definiscono la magia di Ustica tra sapori e saperi.

 

«Siamo partiti – dichiarano gli autori – dall’importanza della cucina, con le sue molteplici e fertili implicazioni, e di quanto la consapevolezza in questo settore contribuisca a costruire e a percepire l’identità di un territorio e di una comunità, per mettere a fuoco il patrimonio materiale e immateriale di questa piccola isola siciliana».

 

 

A questo link https://www.youtube.com/watch?v=1yC86B90VAg&feature=youtu.be è disponibile il booktrailer di presentazione del libro realizzato con il contributo artistico di Ernesto Maria Ponte, Sergio Vespertino e Marco Manera.

 

 

 

CONDIVIDI