Ultimi ciak del docu – film dedicato al tiranno Gelone

479

particolare della chiesa madre di Gela

Termini Imerese (Pa) – Ultimi ciak per il docufilm dal titolo “Gelone, la spada e la gloria” diretto da Gianni Virgadaula. In queste settimane le riprese hanno avuto come scenario la Valle dei Templi di Agrigento, il castello di Acate, Gela e Termini Imerese. L’ultima scena, quella relativa alla battaglia di Himera che si consumò nel 480 a.C., è in programma per il fine settimana dove vedranno coinvolte numerose comparse. Questa è una delle scene tra le più importanti proprio perché nella piana di Buonfornmello l’esercito dei Greci di Sicilia sconfisse quello Cartaginese capeggiato dal generale Amilcare. Al comando della coalizione siciliana composta da agrigentini, siracusani e imerese fu proprio il tiranno di Siracusa Gelone. L’iniziativa cinematografica è promossa dall’Istituto Culturale di Sicilia per la Cinematografia – Onlus che si è avvalso del patrocinio dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e della preziosa collaborazione con i principali parchi Archeologici della Sicilia.

Il progetto Gelone scritto da Gianni Virgadaula alcuni anni addietro, attinge alle fonti come quelle di Tucidide, Strabone, Erodoto e Diodoro Siculo ed ha lo scopo di rievocare le gesta di una delle figure più importanti dell’antichità; un personaggio ad oggi misconosciuto, nonostante l’indubbio fascino del condottiero che, nato nel 540 a.C. sin dalla sua fanciullezza sembrò predestinato ad un’esistenza gloriosa, così come ci viene tramandato dalla legenda del lupo che lo salvò da un crollo dovuto a un terremoto. Il docu – film, che uscirà entro la fine di quest’anno, narra pertanto le gesta del dinomenide, evidenziandone le sue doti di condottiero e di stratega. Il docu -film ricostruisce, pertanto, il contesto storico in cui visse l’illustre personaggio che intendeva unificare la Sicilia in un unico stato, obiettivo questo che lo accompagnerà fino alla sua morte avvenuta intorno al 478 a.C. In questo docu – film non può essere sottaciuta la splendida figura di Damarete, figlia del Tiranno di Agrigento e data in sposa al despota di Siracusa. Damarete fu certo la prima grande regina “siciliana”. Passando alla storia non solo per essere stata la sposa dell’uomo più potente di quel tempo, ma anche per la sua lungimiranza politica ed ancora per sua magnanimità. Alcune fonti antiche, in particolare quella di Teofrasto e successivamente testimoniato a più volte anche da Plutarco, riferiscono che tra le clausole del trattato di pace tra i Greci di Sicilia e i Cartaginesi venne, per volere proprio della regina Damarete, inserita la clausola in cui si obbligavano i vinti di non effettuare più sacrifici umani nei loro riti religiosi. Il docu – film è supportato da un comitato scientifico che annovera studiosi e archeologici siciliani. Tra gli attori Paola Sini che interpreterà il ruolo di Damarete e Davide Geluardi che sarà quello di Gelone.

Roberto Tedesco

CONDIVIDI