Quando si dice Fotografia

491
Andrea Di Napoli

Appare estremamente riduttivo, per coloro che si occupano di Fotografia a qualsiasi livello, limitare la propria attività alla esaltante fase di ripresa, per aver modo, successivamente, di mostrare le immagini realizzate ad amici e parenti vantandosi delle capacità dimostrate.

Le gite ed i viaggi, ma anche le semplici passeggiate nel quartiere alla ricerca di scorci suggestivi, costituiscono momenti apprezzati da tutti gli artisti per riuscire ad esprimere la propria creatività. Tuttavia, la Fotografia ha bisogno anche di momenti di riflessione ed approfondimento.

Il confine tra i fotoamatori “puri” e coloro che per realizzare valide immagini utilizzano lo smartphone, ultimamente è diventato sottilissimo e non bisogna alzare muri divisori, anzi, sarebbe opportuno cogliere ogni occasione per allargare le proprie competenze, per contribuire con uno sforzo comune alla crescita del fenomeno e alla ricerca di una sempre maggiore qualità.

Per condividere agevolmente le proprie fotografie esistono tantissimi canali. In molti casi è sufficiente “postarle” su uno dei tanti social-network per dare loro una considerevole visibilità e ricevere numerosi commenti. Eppure, incontrarsi personalmente, per confrontarsi e scambiarsi le proprie esperienze, non deve essere considerata una abitudine del tutto superata.

Le prestazioni e i giudizi relativi agli strumenti e all’attrezzatura (evitando gli esagerati giudizi pubblicitari), la storia delle tecniche e dei materiali utilizzati dai fotografi del passato, le difficoltà incontrate da alcuni e superate da altri, sono necessariamente temi da discutere insieme ad esperti, che possono rispondere sulla base della propria preparazione e dell’esperienza. D’altronde ogni materia presenta determinati argomenti particolarmente ostici e difficili da comprendere da soli.

Inoltre, risulta interessante procedere alla visione collettiva dei reportage realizzati da autori famosi e dai quali c’è sempre da imparare qualcosa, perché hanno portato la fotografia a livello di espressione artistica, conferendole la dignità e l’importanza che merita. Osservare insieme le medesime immagini permette di condividere anche l’emozione che esse trasmettono. Proprio come quando si assiste ad un film, fra il pubblico attento, nella sala di un cinematografo. Sulle pagine delle riviste specializzate di una volta i lettori potevano esprimere i dubbi, le incertezze ed ogni altro genere di problema ed ottenere i chiarimenti necessari da qualificati addetti ai lavori. Attualmente questo ruolo viene svolto, in genere, dai cosiddetti forum presenti sul web attraverso sentenze presuntuose, rimproveri petulanti o, talvolta, perfino insulti volgari. E’ meglio diffidare da certe forme di comunicazione sgarbata e offensiva.

La creazione di una rubrica on-line destinata a tutti coloro che amano la Fotografia costituisce solo il punto di partenza di un più brillante progetto che prevede l’istituzione di corsi propedeutici ed avanzati, mostre, concorsi, workshop e riunioni, finalizzate alla crescita e all’arricchimento del bagaglio artistico-culturale o utili a pianificare insieme diverse iniziative aperte a quanti si vogliono inserire in un ambiente amichevole. Oltre ad un continuo aggiornamento, pertanto, attraverso la Fotografia si tenterà di favorire anche la socializzazione ed un bonario arricchimento sul piano umano. Insomma, frequentare abitualmente coloro che si occupano della medesima attività o coltivano il medesimo hobby ha sempre una indiscutibile valenza formativa.

Prendendo le mosse da una costruttiva critica rivolta alla superficialità con la quale viene praticata in modo compulsivo una fotografia “di consumo”, che produce prevalentemente immagini di tipo “usa e getta”, il progetto propone una inversione di tendenza che riporti i fotoamatori a discutere, aiutarsi e confrontarsi, incontrandosi per dialogare tra loro consapevoli delle potenzialità dello strumento che hanno scelto come medium.

E’ proprio, da questa stimolante prospettiva che nasce l’esigenza di coinvolgere concretamente i lettori fin dall’inizio, attraverso la lettura delle fotografie del loro “portfolio” (che verranno pubblicate e commentate), nella speranza di fare così da traino nell’evoluzione di un semplice hobby o da guida verso qualcosa di più serio. Sicuramente ci saranno delle belle sorprese e, forse, scopriremo insieme chi sarà destinato a diventare un “vero” artista nello straordinario campo dell’immagine fissa.

Andrea di Napoli

CONDIVIDI